PERSONE CHE HANNO LETTO O CURIOSATO

mercoledì 22 novembre 2017

Ritorno a casa...

Anche se ha origine cristiane, il Thanksgiving è diventata, negli Stati Uniti, la festa "laica" per eccellenza, celebrata dagli americani di tutte le religioni. 

E' tradizione che durante questo periodo di festa (che parte il quarto giovedì di novembre) ogni americano torni a casa in famiglia. 
E, infatti, in questi giorni negli Usa si registrano i giorni di maggior traffico automobilistico: più di 50 milioni di auto sono sulle strade americane

Questo quello che è stato ripreso, l'anno scorso, a Los Angeles, da un elicottero di una tv locale.
 
 


sabato 11 novembre 2017

"Green Card - La mia nuova vita a New York"

Questa volta vi voglio raccomandare un libro.
E' il libro dove Nicola Menicacci, uno dei fortunati vincitori della Green Card Lotteryracconta la sua esperienza, la realizzazione del suo sogno.

Perché esistono davvero coloro che, partecipando alla Lotteria, sono poi stati sorteggiati. 
Persone che ora vivono negli Stati Uniti d'America.


Di questo libro io ho avuto il privilegio di scriverne la prefazione, che ho steso dopo aver letto le bozze in aereo mentre raggiungevo qualche mese fa, per l'ennesima volta, Nuova York.
E leggendole ho sorriso, trattenuto il respiro, sentito i brividi. Così come, sono certo, capiterà anche a voi.

Ma so che i miei, i nostri brividi, sono e saranno nulla al confronto di quelli che hanno provato sulla loro pelle Nicola e la moglie Rosa dal giorno in cui hanno saputo cosa il destino - che hanno cercato di agevolare, partecipando alla Green Card Lottery - aveva riservato loro. 
Dal giorno in cui hanno iniziato a pensare davvero (e in pratica) a come realizzare il sogno americano che avevano dentro.

E' un bel libro, questo libro.
E' un seguire Nicola passo dopo passo in questa avventura, uno stargli vicino, al fianco, in silenzio.
Come vecchi e cari amici. 

E poi è facile "sentirlo" dentro di noi questo libro, mentre lo si legge.
Perché diciamoci la verità: quanti di noi non hanno sognato di chiudere un giorno "baracca e burattini" per ricominciare poi "da zero" in un'altra parte del mondo, forti solo della nostra volontà e del nostro sogno?

Vedrete, sono certo che pagina dopo pagina molti di voi si identificheranno in Nicola e Rosa.
Molti di voi "sentiranno" le loro sensazioni, le loro paure, la loro ansia unita alla testarda voglia di ricominciare da zero da qualche parte.
Che è poi un diritto di cui ogni essere umano dovrebbe poter godere.

Già: questo è un libro perfetto per noi sognatori. 

Solo che ci dice anche che c'è un solo modo per realizzare un sogno: ed è svegliarsi.  
Magari iniziando proprio a leggere questo libro.

Buon viaggio a tutti voi.


(Il modo più veloce per aver fra le mani "Green Card - La mia nuova vita a New Yorkè ordinarlo on line. 
Pensate: non dovrete nemmeno prendere l'auto o l'autobus. 
Basta aspettarlo comodamente a casa.
Oppure averlo "all'istante"  in versione eBook, formato Kindle, Epub o Mobi - pagando, s'intende - dopo avere cliccato QUI o QUI o QUI).


Tutte le informazioni sulla Green Card Lottery le potrete leggere cliccando QUI


venerdì 10 novembre 2017

Finalmente i voli "low cost" per New York e gli Stati Uniti!

Alla fine l'aereo è decollato (ed è anche arrivato!)...

Era da tempo che giravano voci in merito, e c'è da scommettere che ora - almeno ce lo auguriamo tutti -  ci sarà una "corsa al ribasso", e che altre compagnie aeree offriranno ai passeggeri voli per New York a "basso prezzo".
Magari ancora più "low"...
"Low cost", appunto.


Il primo volo della Norwegian è partito ieri da Roma (Fiumicino) ed è atterrato all'aeroporto di Newark.

Il prezzo "standard" di questi voli (solo andata) è di 159 euro, anche se spulciando data per data, con pazienza, il calendario della compagnia aerea "a basso costo" norvegese QUI, si possono trovare (per esempio per domenica 21 gennaio) anche biglietti a 139 euro.
Sempre "a tratta" e tasse incluse.

Come potrete vedere, 139/159 €uro sono i prezzi "base" per il solo posto a sedere e con solo bagaglio a mano. Che non dovrà superare i 10 kg e i 55cmX40cm per una profondità di 23cm.


Poi, tutto il resto, si paga:
35 € per prenotare il posto
50 € per il bagaglio in stiva
35 € per un pasto a bordo (da prenotare 72 ore prima di partire)
3 € per le cuffiette
e financo 5 € (!) per la coperta.
In questi velivoli (nuovissimi Boeing 787 Dreamliner) ci sono 259 posti in classe economia (tre posti, corridoio, tre posti, corridoio, tre posti)
e 32 posti in "premium", decisamente più comodi: con meno sedili più larghi (in fila per due, per tre, e per due) e un bel po' di centimetri di spazio in più fra una fila e l'altra.
Per un costo, in questo caso, che però si avvicina a quello delle normali tariffe di classe economica delle altre compagnie aeree.

Businness Class, da questa parti, non ce n'è.
In compenso, per voli di questo raggio, c'è il Wi-Fi gratuito, in funzione quando il segnale "allacciate le cinture" si spegne.

Bisogna sottolineare che la "Norwegian Air Shuttle A SA" - questo il nome completo della Compagnia aerea - per il terzo anno consecutivo è stata proclamata dagli esperti del settore "miglior compagnia aerea 'low cost' lungo raggio al mondo" mentre è da cinque anni che si tiene stretto il podio della classifica fra le analoghe compagnie europee.

Ma i progetti di espansione commerciale della Compagnia di Oslo non si limitano alla tratta "Roma-New York": domani, 11 novembre, partiranno i loro voli a basso costo per Los Angeles, mentre il 6 febbraio toccherà a quelli per San Francisco.
Entrambi costeranno 179,90€ (tasse comprese) a tratta.

Il 1 febbraio 2018, invece, saranno inaugurati i voli per Miami/Fort Lauderdale, questa volta a partire da 182,92€, sempre a tratta e tasse comprese.

In effetti, da Milano, esistono voli della Emirates di prezzi non molto distanti, ma che diventano non convenienti per chi abita lontano dal capoluogo lombardo.

Ma poi, una volta atterrati, ci sono tanti modi per risparmiare, a New York.
A volte anche pagando nulla o quasi, come potrete leggere

QUI.

Buon volo!



venerdì 3 novembre 2017

L'amore di Maria

Ferrandina, è un grazioso comune in provincia di Matera abitato, oggi, da poco più di novemila persone.
Adagiato su una collina di nemmeno 500 metri di altitudine, le sue case si sviluppano partendo dalla piazza principale e via via scendono verso valle.
Attorno alla collina, campi coltivati.
C'erano solo due proprietari, di tutto questo (città e campagna, intendo): due famiglie durante il Regno delle Due Sicilie dei Borbone e due famiglie (ovviamente sempre le stesse) durante il Regno d'Italia dei Savoja-Carignano.
Insomma, come disse alla fine del 1400 lo scrittore toscano (e politico assai pragmatico) Francesco Guicciardini, "Franza o Spagna, basta che se magna...".

Ma Borbone o Savoia si mangiava poco da quelle parti, e miseria, fame e morte erano sempre lì, pronte a presentare il conto.
I bambini nascevano, ma spesso per morire subito dopo: una dolorosa probabilità alla quale si erano ormai abituate, le donne del luogo.
Filomena, per esempio, madre di Maria (la protagonista della nostra storia) di figli ne aveva visti morire fra le sue braccia ben quattro. E poco poteva fare il di lei marito, Michele Barbella.
Anzi faceva quasi l'impossibile, dividendosi fra i campi, dove coltivava qualcosa da mangiare, e il lavoro di sarto, grazie al quale confezionava camicie e vestiti che lui non poteva permettersi.

A valle, più in basso, ancora oggi c'è Ferrandina scalo: quattro case lungo la ferrovia, quella che collegava il paesino al resto del mondo.
38 chilometri per arrivare a Matera, 78 per raggiungere Potenza, 443 per spingersi fino a Roma e...
7253 chilometri per andare fino a Nuova York.

Perché alla fine era lì che avevano deciso di andare, per non morire di fame. E possiamo solo immaginare gli sforzi che Filomena e Michele fecero per racimolare le lire necessarie per raggiungere il Nuovo Mondo, in quel novembre del 1892.
Sforzi immensi, ma al paese di alternative non c'erano.
Per primo partì - in "avanscoperta" - il figlio Giuseppe, che gli archivi di Ellis Island (dove venivano registrati tutti coloro che arrivavano in America) annotarono proveniente però da "Feccandina, Italy". 
Ma non era raro, a quel tempo, che sbagliassero a trascrivere i nomi italiani, magari già nell'elenco passeggeri delle navi: a lui, almeno, avevano salvato il cognome.

La famiglia Barbella si riunì nel corso del 1892, quando Giuseppe fu raggiunto nel Nuovo Mondo dal padre Michele, dalla madre Filomena, dalle sorelle e dai fratelli: Maria, Antonia, Carlo, Giovanni e Carmela.
E beh: bisogna dire che lì, a Nuova York, la "musica" era decisamente diversa. Maria - che aveva imparato dal padre l'arte del taglio e cucito - nonostante avesse solo 17 anni mise subito a frutto le sue capacità sartoriali lavorando per la fabbrica tessile "Louis Graner & Co", che a quel tempo produceva soprattutto calde mantelle per ripararsi dal freddo e dalla pioggia. E poi, finito il turno, a casa.
Tagliando e cucendo, giorno e notte, riusciva anche a tirar su ben otto dollari la settimana.
Un sogno, in Italia.


Abitavano in Elisabeth st, e ogni giorno per andare sulla Broadway all'angolo con Spring st., dove lavorava, si faceva un bel giretto a piedi in mezzo a quel dedalo di vie abitate quasi interamente da italiani, e quasi tutti provenienti dal meridione d'Italia. 
Era proprio come sentirsi a casa. 

Da quelle parti, proprio fra il Tribunale e il Municipio, su Elm st. (che oggi si chiama Elk st.), Maria passava davanti al piccolo chiosco di un lustrascarpe. Si chiamava Domenico, ed era italiano, anzi quasi compaesano, emigrato da Chiaromonte, un paesino a 79 km da Ferrandina: Domenico, che di cognome faceva Cataldo.

Era uno sveglio, Domenico: e bastò uno sguardo per fargli intuire che quella ragazza era italiana. Fin dal primo giorno che la vide la riempì di complimenti.

E a lei quanto piaceva quel ragazzo, per di più assai "in carne" (ben nutrito, dunque probabilmente con soldi!). 
Lo aveva sempre osservato senza farsi vedere, con la "coda dell'occhio", come si conviene ad una ragazza educata: ma da subito fu conquistata dal fascino che quell'omone emanava, con quei capelli sempre perfettamente impomatati e quegli occhi con cui divorava le donne.
Donne, ne era certa, che si sarebbero volentieri fatte divorare da lui.  

Sembrava già uomo fatto e gli ricordava un po' Rodolfo Valentino, anche se Domenico aveva i baffi ed era più rotondetto. E anche se di lavoro lui non faceva l'attore, ma il lustrascarpe.

Come vi ho detto, lui, ovvio, notò Maria fin dal primo giorno: d'altronde lei era giovane, sempre ben vestita e profumava di pulito. E ogni giorno Domenico rimaneva senza fiato quando quel fiore gli passava davanti.

Ogni volta faceva un po' lo spiritoso: prima un sorriso, poi un complimento, a volte solo un sospiro un po' plateale, fino a quando, un giorno, si spinse persino a pronunciare a voce alta una battuta galante. Con lei che tirava sempre dritto senza (dargli l'impressione di) guardarlo, con lo sguardo basso e un po' furtivo.


Ma ogni giorno di più, con il sorriso sulle labbra.
Un gioco e una sorpresa, per quella ragazza ventiduenne  che quasi non diceva una parola in inglese: un mezzo miracolo per lei, che non si riteneva per nulla attraente.

Finché...
Finché una sera lei non abbassò più gli occhi e rispose al saluto del suo cavaliere.
Eh sì: quella volta fu lui a rimanere sbalordito.
Lei gli aveva parlato! Gli aveva rivolto la parola e sorriso!

Andarono avanti così per qualche settimana: un saluto, un sorriso, un cenno con la testa e poi "arrivederci a domani!",
poi "faccio un pezzo di strada con voi", e poi "Chissà cosa penserà mio padre se ci vede insieme", e "Cosa può mai pensare: io vi accompagno soltanto davanti a casa"...
Era un appuntamento quotidiano: anzi, un doppio appuntamento che entrambi, giorno dopo giorno, senza dirlo, aspettavano con impazienza.

Ogni tanto era talmente emozionata di quello che le stava succedendo, che si sentiva mancare.
Anzi, quasi perdeva conoscenza.
Scherzi dell'amore, pensava. D'altronde anche da bambina le accadeva di vivere momenti di assenza...

E come volavano le ore alla "Louis Graner & Co" sapendo che fuori, poi, ci sarebbe stato lui, il suo Domenico, ad aspettarla.

Lui che la faceva ridere e le diceva mille cose: come quando, sottovoce, le confessò che in quegli anni, in America, aveva messo da parte qualcosa come 900 e più dollari! "E sì: se trovo la ragazza giusta la sposerò...", le diceva "buttando lì l'amo".
C'era una cosa strana, però: anche dopo due mesi, quel ragazzo evitava sempre - ogni giorno con una scusa differente - di salire a casa per conoscere mamma Filomena, papà Michele e il resto della famiglia di Maria. 

Ma si sa: l'America è come un grande paese, e ancor più lo è Nuova York. Figuriamoci la "piccola Italia" di quel tempo.
E infatti il padre di Maria non impiegò molto a sapere che quel giovanotto - quello con cui sua figlia si faceva vedere in giro - in Italia, al paese, aveva una moglie e due figli.

Quel giorno, quando Maria tornò a casa, non ci fu bisogno nemmeno di parlare: a lei bastò incrociare lo sguardo del padre per capire che era successo qualcosa di terribile.

Solo in quel momento Maria ebbe l'illuminazione, capendo finalmente perché il suo Domenico non voleva mai salire in casa: non era né timidezza, né (tantomeno!) buona educazione. Il motivo era molto più semplice: non voleva presentarsi ai genitori di lei perché così come era messo, non poteva "entrare in famiglia".

Il padre fu irremovibile: "Non puoi vederlo più, quel disgraziato non ti merita".

New York era grande già allora: e infatti i due ragazzi riuscirono a non incrociarsi per tre anni. Lei, infatti, là davanti al chiosco di Domenico non passò più e poi, per andare al lavoro o tornare a casa, cambiava strada ogni giorno.
Anche Domenico i primi tempi fu prudente e cambiò le sue abitudini: meglio, perché sapeva che rischiava di buscarsele dal signor Michele, se solo si fossero incrociati anche per sbaglio.
Padre che, nel frattempo, impose a Maria anche di cambiare lavoro. Così quello là, non avrebbe avuto nessuna speranza di trovarla.

Lui smise di cercarla un giorno di marzo del 1895 quando, per puro caso, la incrociò per strada.
E si sa come vanno queste cose: anche se erano passati tre anni, non ci volle molto perché l'una tornasse fra le braccia dell'altro. 
Soprattutto perché lui le disse di non averla mai dimenticata, che la moglie in Italia era ormai solo un ricordo, che non si scrivevano nemmeno più. Aggiungendo, poi, che quei tre anni in cui non si erano più visti per lui erano stati un inferno, e che ormai aveva capito che nella sua vita c'era solo lei.

Come andò a finire quel loro incontro? 
Come volete che sia andato a finire, cari amici di Aria Fritta... 

Finì che Maria, innamorata come non mai, si lasciò stringere fra le sue braccia. 
Finì che accettò di salire in casa da lui.
Finì che accettò "qualcosa da bere".
Finì che lei si sdraiò un momento sul letto.

Dove fecero l'amore. 
E dopo che lei gli donò tutta se stessa, lui le disse all'orecchio cinque parole che le fecero tremare il cuore: "Te lo prometto, ci sposeremo".

Era quello che voleva sentirsi dire per restare con lui per sempre. 
E infatti decise di trasferirsi lì, a casa del suo uomo. 
D'altronde, di lì a poco, sarebbe diventata sua moglie.

Era davvero il suo amore.
L'amore di Maria.


In realtà fu l'inizio del disastro.
Fra i due, i momenti di tenerezza e di passione si alternavano a periodi di promesse e a momenti in cui lui tutto dimostrava tranne che le sue matrimoniali intenzioni.

Fino al 26 aprile del 1895, quando dopo l'ennesima promessa seguita dall'ennesima lite, lui alzò la voce, la mandò al diavolo e se ne uscì sbattendo la porta, lasciando la ragazza sola in casa, disperata, a piangere. 


Quel giorno fu la madre di Maria a prendere in mano la situazione. 


Fu una vicina a metterla al corrente della cosa, e quando arrivò a casa della figlia la trovò piangente mentre sistemava la cucina: "Andiamo a parlargli insieme: vedrai che lo convinceremo. Andrà tutto bene...".
Lei chiese alla madre di aspettare un momento, che aveva bisogno di prendere lo scialle in cucina.

Non ci impiegarono molto a raggiungere Domenico, le due donne. Sapevano entrambe che lo avrebbero trovato al solito bar della East 13a st dove ogni giorno lui andava a giocare a carte.
Il bar di Vincenzo e Caterina Mancuso.

E lui, infatti, era lì con le carte in mano ad un tavolo, di fronte al quale la ragazza singhiozzava, con la madre che lo implorò: "Anche tu sei italiano, tu lo puoi capire: ora che tu le hai preso la cosa più preziosa, il padre non l'accetta più a casa".

La reazione di lui fu sprezzante: guardò le due donne e si mise a ridere.
Rise sguaiatamente in faccia alla giovane che aveva illuso, ma soprattutto alla madre di lei.

I verbali della polizia raccontano che lui, dopo essersi fatto la risata, in dialetto e con un tono che non nascondeva il suo disprezzo, rispose che non poteva certo sposare una ragazza che non aveva "nemmeno il vestito adatto".

Un testimone riferì che allora la ragazza, fra i singhiozzi, disse che non le importava niente del vestito, che lei lo amava e che era pronta a sposarlo subito, anche in quel momento: "Così come sono ora!", disse.

Un altro testimone dichiarò che lui, a quel punto, aggiunse che era anche disposto a sposarla, ma "a patto che lei avesse duecento dollari di dote. E in contanti". E che mentre la madre cercava di spiegargli che si trattava di una cifra pazzesca, che loro erano poveri e non avevano tutti quei soldi, quel disgraziato, ridendo, ringhiò: "Ma cosa vuoi... Ormai, così come sei, solo un porco potrà sposarti!".

"Ormai...".
"Solo un porco".

Mio Dio...

Dopo quelle parole, tutti rimasero a bocca aperta: la madre Filomena, la giovane Maria, gli altri uomini presenti al tavolo, tutti gli avventori del bar.
Tutti immobili, senza fiato. Come se avessero intuito che qualcosa di terribile sarebbe accaduto lì, da un momento all'altro.

I verbali di polizia ci dicono ancora che a quel punto Maria smise di piangere. E che guardò il suo (ex) amore con occhi diversi, strani. 
In quelle righe si legge che lei, con uno sguardo come se fosse stata da un'altra parte, piano piano calò lo scialle che nascondeva i capelli e le braccia nude da sguardi indiscreti.

Scialle che scese fino a scoprire la mano destra.
Che impugnava un coltello.
Un grande coltello da cucina appena lavato.

Il primo colpo di Maria fu fulmineo. E preciso.
La lama tagliò la gola di Domenico Cataldo da destra a sinistra.
Poi arrivò il secondo, qualche centimetro più sotto, questa volta da sinistra a destra.

Lui non fece in tempo a dire nulla.

Dai suoi occhi non uscivano più sguardi minacciosi o strafottenti: Domenico riuscì solo a fare qualche passo indietro barcollando verso l'uscita e a trascinarsi
 tenendosi la gola verso l'angolo dell'Avenue A. 
Dove si inginocchiò con gli occhi sbarrati, increduli, mentre le sue mani non riuscivano a trattenere il sangue che dalla gola usciva ritmicamente a flutti, imbrattando il marciapiede.

Poi, sfinito, Domenico Cataldo cadde completamente a terra e fece un ultimo respiro.

Maria Barbella non tentò nemmeno di scappare: rimase lì, intontita, con il coltello insanguinato in mano. 
E così la trovarono i poliziotti che arrivarono di corsa. 
Che la portarono subito via, rinchiudendola quella sera stessa a The Tombs, la prigione di Nuova York, e  dopo qualche giorno, in quella di Sing Sing, il carcere di massima sicurezza dello Stato di New York.
Dove, dalla sua cella, non poteva nemmeno vedere il cielo, visto che i vetri erano stati verniciati di nero.

Il processo iniziò nemmeno tre mesi dopo, l'11 luglio. L'aula del tribunale era gremita da un centinaio di persone che si erano tuffate nella vicenda leggendo avidamente per settimane articoli scandalizzati e prodighi di particolari truculenti.


Gli elementi per una campagna di stampa ostile c'erano tutti ed erano in atto già dal giorno del delitto.

Responsabile dell'orribile fatto di sangue era una donna, per di più emigrata;
anzi italiana; di più, del sud Italia;
una malafemmina quasi analfabeta che aveva corrotto un onesto lavoratore, padre di famiglia che sudava per inviare il denaro alla moglie e ai figli lontani.

Una giovane sfascia-famiglie diventata per di più assassina: una giovane donna corrotta dentro che non solo non ha saputo resistere alla tentazione (come da donna avrebbe dovuto saper fare), ma che poi ha ammazzato con due colpi di coltello un pover'uomo che non poteva, né voleva darle, ciò che lei con protervia pretendeva. 

"Perché gli italiani sono così", si poteva leggere in uno di quegli articoli sotto terribili titoli cubitali: "Non c'è niente da fare: gli italiani sono veloci di coltello. Donne comprese, come abbiamo visto"

Al processo, Maria appariva come intontita in mezzo a tutto quel clamore. 
Anche perché riusciva a capire ben poco di quel che veniva detto in aula. C'era sì un interprete, solo che questo quasi non conosceva l'inglese. E dunque le giustificazioni, le accorate dichiarazioni dell'imputata, venivano tradotte sommariamente alla Corte, presieduta dall'annoiato giudice John W. Goff.
O alla giuria popolare. 
Formata interamente da uomini, tutti anglosassoni con sguardi molto severi e scandalizzati.

Eccoli qui con l'imputata al centro, nell'illustrazione di un giornale locale che sbagliò persino il cognome della giovane.
Non era da meglio la sua difesa: all'imputata Maria Barbella, venne assegnato un legale d'ufficio, visto che la sua famiglia non era in grado di pagare un avvocato decente. 
E quello che le capitò fu debole, svogliato, rassegnato al peggio.

E il "peggio" in questione era la pena di morte mediante sedia elettrica.

Ne parlarono molto i giornali e anche con un certo entusiasmo: perché, quella, sarebbe stata la prima volta per lo Stato di New York dove fino ad allora, per giustiziare un condannato alla pena capitale, veniva utilizzata l'impiccagione.
Anzi, Maria sarebbe stata addirittura la prima donna a subire una condanna a morte negli Stati Uniti dopo il 1899, anno in cui venne introdotta nel sistema giudiziario americano.

Perché, alla fine, come era già scritto dal primo giorno, Maria Barbella venne condannata. D'altronde anche il giudice aveva chiaramente detto la sua: "Non possiamo pubblicamente proclamare una donna 'non colpevole' solo perché l'uomo che le ha proposto il matrimonio ha poi cambiato idea...".

"Il codice americano ha trionfato su quello italiano - commentava con soddisfazione in un editoriale il quotidiano "Brooklyn Daily Eagle" -. Qui siamo negli Stati Uniti, non in Italia, e gli italiani che vengono qui devono imparare che da noi coltelli e rasoi, come strumenti di giustizia, sono proibiti. D'altronde, in Italia, una ragazza che uccide chi l'ha ingannata non viene punita. Anzi, secondo i loro criteri, fa pure una cosa giusta.
Ma qui non siamo in Italia..."
.

E non erano da meno gli altri giornali.

Cinque giorni, durò il processo.
Che si concluse con la condanna a morte.
Alla sedia elettrica, mai utilizzata per una pena capitale, ma che le pressioni lobbistiche della Edison - gestore insieme alla Westinghouse della distribuzione dell'energia elettrica negli Usa - imposero in sostituzione del tradizionale cappio, ritenuto troppo "medioevale".

La notizia, con i suoi tempi, fece il giro del mondo e arrivò, ovviamente, anche in Italia, dove Cora Slocomb Savorgnan di Brazzà, giovane americana con simpatie socialiste sposata ad un conte italiano, la conobbe leggendo il titolo del New York Times riportato qui sotto, che dopo un mese di navigazione arrivava in Italia.
«Ucciso perché rifiuta di sposarla. Una giovane donna, Maria Barbella, taglia la gola a Domenico Cataldo», si leggeva poi nell'articolo del quotidiano.
«La sentenza sarà eseguita a Sing Sing il 19 agosto.
Sarà la prima donna ad essere giustiziata con la sedia elettrica».


Ricca aristocratica, figlia di un latifondista americano, Cora Slocomb era sposata con il conte Detalmo Savorgnan di Brazzà, fratello dell'esploratore italiano Pietro Brazzà - da cui prese il nome la capitale del Congo, Brazzaville.
La donna si appassionò al caso, peraltro come migliaia di "suffragette" americane, protofemministe in una società patriarcale che negava alle donne i più elementari diritti. 
Primo fra tutti quello di voto (e di scegliersi liberamente il marito...).

Cora e Detalmo, dunque, vennero in America un bel po' di volte per seguire direttamente il caso.
E come prima cosa procurarono a Maria Barbella un collegio di difesa degno di questo nome. 

Ora finalmente accanto a Maria c'erano tre avvocati a quel tempo i più famosi a New York: Frederick House, Emanuel Friend ed Edward Hymes. Che, come primo passo, riuscirono a presentare appello ottenendo il riesame del processo denunciando anche la mancanza di imparzialità del giudice Goff.

I difensori a quel punto chiamarono a testimoniare in aula innanzitutto medici, psicologi, specialisti in neurologia e una girandola di periti le cui deposizioni durarono nove giorni.

Esaminando con attenzione l'imputata e la sua storia medica e interrogando in aula lei, genitori, fratelli, sorelle e vicini di casa (questa volta con un interprete che conosceva bene l'italiano e l'inglese) questi scoprirono che la ragazza, negli anni, aveva sofferto di epilessia, di depressione e altri disturbi, più o meno lievi, di natura psicologica.
Un vero colpo di scena che provocò sconcerto a New York.

Il clamore attorno al caso era tale che fu necessario assegnare alla contessa Cora e al conte Detalmo una guardia del corpo poiché avevano iniziato a ricevere numerose minacce di morte. 
L'agente che da quel momento in poi ebbe il compito di non mollarli nemmeno un secondo, era un giovane che in verità era stato arruolato come addetto alle pulizie della Centrale di New York. Un poliziotto d'origine italiana: tal Giuseppe Petrosino, detto Joe
Quel Joe Petrosino che anni dopo avrebbe guidato l'Italian branch, il primo reparto di poliziotti italo-americani appositamente da lui istituito per combattere la Mano Nera, la mafia italiana in America. 
Che, anni dopo, a Palermo lo uccise.

Il processo d'appello a Maria Barbella durò 24 giorni, e il 10 dicembre 1896 la sentenza stabilì che la ragazza, al momento dei fatti, non era capace di intendere e di volere.
Fu assolta e rimessa in libertà.

Poco meno di un anno dopo, il 4 novembre 1897, Maria si sposò con un compaesano di Ferrandina, Francesco Paolo Bruno, di professione barbiere, e due anni dopo ebbero un figlio che la coppia chiamò Frederick.

Ma la vita sentimentale della donna non fu molto fortunata: quel che si sa è che lui, una volta ottenuto il passaporto americano, la lasciò e si sposò con un'altra donna di Ferrandina, con la quale tornò negli Usa, mentre nel 1902 Maria Barbella tornò a vivere con i genitori.

Solo qualche anno fa, consultando gli archivi del comune di Ferrandina, la scrittrice italiana Idanna Pucci scoprì quello che forse fu il vero movente della rabbia di Maria Barbella: quando ebbe la relazione con Domenico Cataldo, Maria non aveva in realtà 22 anni, ma 27.
E a quel tempo, una ragazza di quell'età, ancorché non più "illibata", non aveva praticamente alcuna speranza di trovare marito. 


Oggi, il 541 della Broadway è un palazzotto tipico di Soho circondato da altri simili in questa parte di Manhattan, tutti con grandi negozi sulla strada. 
Al piano terra, gli store di Guess e Lacoste.

Dubito assai che i ragazzi che lì lavorano conoscano la storia della loro collega Maria Barbella.


© dario celli. Tutti i diritti sono riservati

giovedì 14 settembre 2017

Green Card! Lavorare e vivere negli Stati Uniti non è un sogno: intanto basta partecipare alla Lotteria Green Card!



«Il
 grembo dell'America è pronto ad accogliere non  solo lo straniero ricco e rispettabile, ma anche gli oppressi e i perseguitati di ogni nazione e religione. 
A costoro dovremo garantire la partecipazione ai nostri diritti e privilegi». 
(George Washington, primo Presidente degli Stati Uniti d'America, 1783)


Cari amici di Aria Fritta, anche per quest'anno è andata.
Dopo alcune settimane di giallo (con la sospensione di inizio ottobre) ha ripreso e si è concluso anche questo appuntamento con la Lotteria Green Card di quest'anno, il DV-2019 Program.


Ora non rimane che aspettare il risultato e fare gli scongiuri fino al prossimo 15 maggio 2018 quando i risultati del sorteggio verranno resi noti ai fortunati.
 
Giallo di quest'anno a parte (e tralasciando le voci prive di ufficialità che annunciano una sua abolizione futura) si tratta di un appuntamento annuale atteso con ansia da coloro che sognano di andare a vivere e lavorare negli Stati Uniti d'America.
 


GREEN CARD: COS'E'


Tutti la chiamano così, anche se il nome corretto è "Permanent Resident Card".
 
La Green Card è il documento inseguito da milioni di persone di tutto il mondo che sognano di lavorare, abitare - vivere legalmente insomma - negli Stati Uniti d'America.
La Green Card - che in realtà si chiama, come possiamo vedere nella fotografia qui sopra "Permanent Resident Card" permette infatti a chi non è cittadino americano di cercare lavoro, ma soprattutto di lavorare negli Usa anche senza avere avuto uno sponsor;
o di stipulare un contratto d'affitto regolare di un appartamento; 
e soprattutto restare negli Stati Uniti senza limiti di tempo. 

 
GREEN CARD e CITTADINANZA USA

Chi possiede la Green Carddopo cinque anni di regolare residenza negli Stati Uniti PUO'se lo vuole, assumere la cittadinanza americana. 
Mantenendo, volendo, anche quella italiana.

Gli anni di attesa per poter diventare "americani" diventano invece tre se ci si è sposati con un cittadino (o con un cittadina) Usa.

Come accennavo, si tratta di un "permesso di residenza": dunque i possessori di Green Card non possono star fuori dagli Usa per più di 180-190 giorni. 
Questi potrebbero infatti aver problemi a rientrare negli Stati Uniti: come minimo, alla frontiera americana verrà chiesto a loro "che intenzioni hanno":
se, cioè, intendono davvero o no risiedere negli Usa.
Per il possessore di Green Card esiste comunque la possibilità di assentarsi dagli Stati Uniti per più tempo, ma è necessario che faccia apposita domanda.
Quel che è certo è che se si resta fuori dagli Usa per più di sei mesi, il conteggio per la cittadinanza ricomincia da capo.

Come ho scritto, dopo cinque anni si può chiedere la cittadinanza Usa.
Ma non è obbligatorio

Conosco un connazionale che possiede la Green Card da più di una trentina di anni e che è rimasto sempre e solo cittadino italiano.
Italia dove si reca in vacanza per un mesetto ogni estate.

 
GREEN CARD: COME SI OTTIENE 

La Green Card si può ottenere:
- su richiesta di un proprio familiare che è cittadino americano;
- grazie alla domanda di un datore di lavoro (di uno sponsor) americano;
o, appunto, grazie alla vincita alla Lotteria.

Ed è, questo, da sempre, uno degli argomenti più seguiti di Aria Fritta.

Il periodo per concorrere a conquistare una delle 50mila Green Card che il Governo americano mette in palio ogni anno è scaduto e dunque, ora, si tratta di aspettare il prossimo autunno. 
 

50mila Green Card sembrano tante: ma diventano poche, pochissime, di fronte ai milioni di persone (più di 12 milioni e mezzo nel 2016) che ne desiderano una partecipando al Diversity Visa Program.

Ovviamente questo non è l'unico modo che il Governo Usa 

utilizza per accogliere e regolarizzare stranieri.

Basta pensare che ogni anno gli Stati Uniti d'America rilasciano 370mila visti a parenti prossimi di cittadini americani, a lavoratori stranieri qualificati, investitori, professionisti, ricercatori, lavoratori con straordinaria esperienza.

A questi si devono aggiungere gli 80mila visti annuali che gli Usa rilasciano a profughi di tutto il mondo e che - grazie alla collaborazione delle istituzioni Onu (Unhcr e Iom) - dopo i drammi patiti, ricominciano la loro vita negli Stati Uniti.  

Insomma, grazie ai visti che vengono regolarmente rilasciati, ogni anno negli Usa vengono a vivere almeno 450mila nuovi stranieri
Che presto diventeranno americani.

Ai quali, poi, si devono aggiungere, appunto, i vincitori delle 50mila Green Card (che in realtà alla fine sono ben di più, se si tiene poi conto di coniugi e figli della persona sorteggiata, ai quali viene automaticamente assegnata).
E allora occupiamoci della Green Card e della sua "lotteria".

LA LOTTERIA GREEN CARD

Anche se nel 1783 la Green Card non esisteva, una delle ragioni per cui gli Stati Uniti hanno istituito la "Green Card lottery" è racchiusa proprio nelle parole del primo Presidente degli Stati Uniti d'America che hanno aperto queste righe. 

Semplificando, la "lotteria Green Card", in fondo, è il tentativo del Governo Americano di dare una possibilità a tutti di partecipare al "sogno americano" mantenendo una sorta di "equilibrio etnico"
Senza però sfociare in alcun concetto razzista, ovviamente. 
 
Per capire: ogni anno, infatti, dalla partecipazione vengono escluse le nazioni di quegli emigranti nati nei Paesi che nei cinque anni precedenti hanno superato in totale il numero di 50mila ingressi legali negli Usa.
Un fatto che NON RIGUARDA gli italiani, che non raggiungono mai quella quota.

Per la Lotteria di quest'anno, per esempio, non hanno potuto  partecipare i nati in BANGLADESH, BRASILE, CANADA, CINA (terraferma), COLOMBIA, REPUBBLICA DOMINICANA, EL SALVADOR, HAITI, INDIA, GIAMAICA, MESSICO, NIGERIA, PAKISTAN, PERU’, FILIPPINE, COREA DEL SUD, REGNO UNITO E TERRITORI DIPENDENTI (eccetto Irlanda del Nord) e VIETNAM.

Intanto è bene subito specificare che PARTECIPARE ALLA LOTTERIA GREEN CARD E' ASSOLUTAMENTE GRATUITO.

Su internet sarete forse incappati in pubblicità di studi professionali americani (con stemmi simili a quelli del Governo Usa) che offrono servizi a pagamento per la lotteria Green Card. 
Ma sono iniziative private e soprattutto inutili, visto la semplicità di compilazione del modulo, come vedremo fra qualche riga.

Lo stesso Governo americano mette in guardia dalla massiccia presenza in rete di siti-semitruffa, che di solito esordiscono scrivendo cose del tipo "Sei stato sorteggiato!" 
oppure
"Sei stato scelto come potenziale vincitore!".
Se è successo anche a voi, è perché probabilmente, avete fatto delle ricerche in rete sull'argomento: basta infatti documentarsi una volta sulla Green Card utilizzando un motore di ricerca, ed ecco che da quel momento si viene subito bersagliati da pubblicità di siti privati di consulenza sull'argomento.
Al limite del legale.

Ma è bene ricordare sempre che l'unico sito autorizzato a ricevere la domanda è infatti quello del Governo americano. 
E infatti quelle agenzie o siti a pagamento non faranno altro che re-indirizzare (a pagamento) poi la vostra domanda al sito ufficiale (gratuito) del Governo Usa.

Sito, ripeto, che è ASSOLUTAMENTE GRATUITO, e che si distingue dai siti "commerciali" (.com oppure .net) perché, come tutti siti ufficiali governativi, ha il dominio ".gov".
 
LOTTERIA GREEN CARD: 
LA COMPILAZIONE DEL MODULO
 
Come sa chi ha già partecipato, compilare on line l'Elettronic Diversity Visa Entry Form, anche se è in inglese, è davvero molto semplice. 

Vengono chiesti, infatti:
- il nome completo
- la data di nascita
- il sesso
- la città di nascita
- il Paese di nascita
- la città e l'indirizzo in cui si abita 
- un recapito telefonico
- un indirizzo di posta elettronica
- il titolo di studio
- lo stato civile
- informazioni sugli eventuali figli e sull'eventuale coniuge (ai quali, in caso di estrazione, la Green Card viene estesa, e ai figli purché siano minori di 21 anni e non coniugati)
- una fotografia digitale recente, non più vecchia di sei mesi.

LOTTERIA GREEN CARD: 
I REQUISITI
 



Come vedremo, il "Diversity Visa Program" non prevede il possesso di requisiti particolarmente severi. 

Si deve essere nati in uno dei Paesi che rientra nella lista di quelli ammessi (e l'Italia c'è sempre stata), ed essere in possesso di un diploma di scuola media superiore.

O meglio, per la precisione:
bisogna avere completato un corso di studi di almeno 12 anni  

- oppure aver svolto un impiego negli ultimi 5 anni nel quale per svolgerlo vengono richiesti almeno 2 anni di "pratica" (tipo tirocinio o praticantato).

 
Chi è senza titolo di studio superiore può consultare il sito del Dipartimento del Lavoro Usa dove QUI è pubblicato l'elenco delle professioni che rientrano in quelle vengono definite le esperienze lavorative qualificanti previste per partecipare alla Lotteria.

LOTTERIA GREEN CARD: 
LE ISTRUZIONI
 
Come ho accennato, la compilazione del modulo è molto semplice.
Semmai la cosa più "difficile" è fare la fotografia, che deve rispondere a requisiti tecnici ed estetici precisi.

La fotografia, infatti, deve:
- essere DIGITALE (cioè deve essere un file); 
- essere recente (non più di sei mesi);
- avere un formato, un "peso", specifico. 
E cioè da 600 per 600 pixel, fino ad un massimo di 1200 per 1200 pixel (per un massimo di 240 kilobytes).

La realizzazione della fotografia viene considerata l'ostacolo più complicato: ma oggi esistono app gratuite per smartphone iOS-Apple ("Image Size""ID Photo Print: US passport"; oppure "My Passport Photo US passport") o per Android ("DV Lottery photo tool") che permettono di realizzare foto con le caratteristiche richieste utilizzando il proprio telefonino.

Se comunque non vi fidate delle vostre capacità basta che vi rivolgiate ad uno studio fotografico particolarmente al passo con i tempi. 

Attenzione però alle condizioni "estetiche" della vostra fotografia.
Che deve avere: 
- sfondo bianco o neutro;
- il viso senza ombre;
- nessuna ombra sullo sfondo;
- e niente occhiali. 
 
Tranquilli, comunque: dopo, CLICCANDO QUI, potrete leggere tutte le istruzioni dettagliate con utilissime immagini-esempio per inviare la foto corretta, e non vedersi magari respinta la domanda ancor prima del sorteggio.
Utilissimo - anzi fondamentale - è QUEST'ALTRO sito del Governo Usa, dove si può adattare la foto, ma soprattutto fare "la prova validità".
E se lì risulta valida, è fatta (almeno per quanto riguarda la partecipazione!).

LOTTERIA GREEN CARD: 
L'ITALIA E GLI ALTRI PAESI DEL MONDO 

Lo so, ora vi prenderà lo sconforto a sapere che nel 2015 i partecipanti alla Green Card Lottery in tutto il mondo sono stati esattamente 9.399.747 (14.418.063 con coniuge e figli minori, che però esulano dal conteggio dei sorteggiati).

La maggior parte delle domande giungono da Paesi in via di sviluppo o da quelli più poveri del mondo.

Nel 2015, per esempio, la prima posizione è stata raggiunta dal Ghana, dove 1.537.292 cittadini dello Stato africano hanno inviato il modulo.
Esclusi, l'anno scorso, i cittadini della Nigeria, che detenevano la prima posizione di partecipanti l'anno precedente, poiché nel 2014 avevano superato le quote di sorteggiati.
Al secondo posto, nel 2015, l'Ucraina (887.577);
seguita dall'Uzbekistan (833.998); 
dall'Etiopia (640.165);
e dal Nepal (545.825).
Dalla Sierra Leone, il Paese più povero del mondo, l'anno scorso hanno partecipato 479.195 persone.

Ma, pensate, alla lotteria Green Card partecipano ogni anno anche cittadini residenti della Città del Vaticano (nel 2015 sono stati 26) e di San Marino, l'anno scorso 19.

E dall'Italia?Negli ultimi anni sono state sempre di più le domande di partecipazione alla Lotteria Green Card da parte di cittadini italiani. 
 
Precisamente (senza contare coniuge e figli):

13.831 nel 2010
17.767 nel 2011
19.009 nel 2012 
22.394 nel 2013
28.813 nel 2014
30.386 nel 2015.

E i vincitori italiani? 
Sono pochi, pochissimi, visto che sono pochi - rispetto agli altri Paesi - gli italiani che partecipano alla DVLottery.
I vincitori italiani degli scorsi anni (senza contare coniuge ed eventuali figli - minori di 21 anni - della persona sorteggiata) sono stati:

450 nel 2011
529 nel 2012
396 nel 2013
787 nel 2014
779 nel 2015
410 nel 2016.

LOTTERIA GREEN CARD: 
"C'E' SOTTO" QUALCOSA?

E' l'interrogativo che si pone l'italiano che per la prima volta viene a conoscenza della Lottery.

No, "sotto" non c'è assolutamente nulla.

E' un sorteggio affidato ad un computer che sceglie in automatico (e in modo casuale) i nomi dei fortunati che hanno inviato la domanda durante tutto il periodo (dunque non vale la regola del "fare prima") e che poi dovranno presentare i documenti necessari. 

Abituati come siamo ad essere diffidenti e a sospettare complotti o irregolarità in tutto, noi italiani non ci capacitiamo. 
Ognuno di noi, quando l'ha saputo per la prima volta, è rimasto interdetto: "Una lotteria per ottenere il passaporto virtuale (che poi può diventare reale!) per gli Stati Uniti?? Ma figuriamoci, dai...".

Prevenuti come siamo, a noi italiani pare impossibile che una cosa del genere si possa svolgere in modo"regolare", senza "traffici" o fregature.
Eppure è così.

Tra l'altro non è nemmeno necessario inviare il modulo il più presto possibile: Antonietta - della quale ho raccontato l'incredibile storia di lei estratta un anno dopo il suo fidanzato, ora residente in California con il suo compagno - quando è stata estratta aveva inviato la domanda l'ultimo minuto dell'ultimo giorno.

Ho poi conosciuto Nicola e Rosa, arrivati a settembre 2017 a New York, e Luca, anche lui vincitore di Green Card ormai parecchi anni fa, che ha aperto due pizzerie a New York e che nel frattempo è anche diventato cittadino americano. 
E Federica, che ha vissuto fra Miami, Messico e Cuba.
E ancora Alberto, che ha aperto una pizzeria al taglio a Manhattan. 
E Angela, che - fra mille comprensibili trepidazioni e paure - ha preso il suo "definitivo" aereo per gli Usa il dicembre del 2015, e che ora è responsabile di un settore di un asilo di Philadelphia
.
E poi c'è Laura, che nel 2016 mi scrisse: "Mamma mia che emozione, Dario... 
Grazie ad Aria Fritta ora siamo qui, in California, a Los Angeles!".

Aggiungendo, oggi: "Non dimentico che tutto è partito dal post pubblicato su Aria Fritta".

Se poi avete dato una occhiata ai commenti all'articolo sulla Lottery pubblicato qui su Aria Fritta negli scorsi anni (e che ho cancellato perché erano centinaia...), ne avrete visti molti di messaggi inviati da fortunati lettori sorteggiati.

Compreso quello di una famiglia che si è fermata proprio prima della convocazione di Napoli, dove si svolge il colloquio finale: "Siamo stati incerti fino all'ultimo. Ci sono state molte cose che ci hanno fatto riflettere: una è la doppia tassazione anche per i redditi prodotti in Italia. La Green Card è vantaggiosa nel caso in cui uno decida di andarsene: ma se non si ha, come noi al momento, la possibilità di trasferirsi negli Usa in pianta stabile, avere un reddito in Italia diventa un costo".
E così, anche se fortunati sorteggiati, hanno rinunciato, non presentandosi alle visite e al colloquio.
(Anche se, da quel che poi mi hanno scritto in privato, dopo un anno se ne sono pentiti...).

E' per questo motivo che vengono sorteggiate ben più delle 50mila Green Card in palio: perché in tutto il mondo ci sono migliaia di persone che poi rinunciano, o che poi non presentano la documentazione richiesta, o che la presentano ma alla fine risulta non regolare.

Insomma, quella degli italiani che vincono la Green Card grazie ad una lotteria non è una leggenda metropolitana...

E' bene però specificare che pur essendo il "Diversity Visa Program" una "lotteria", non si tratta di un gioco.
Dunque è bene parteciparvi se davvero si ha intenzione di dare una nuova possibilità alla propria vita. 
E se si partecipa, si deve essere psicologicamente pronti all'eventualità di essere davvero sorteggiati.
All'eventualità di poter dare davvero una svolta alla propria vita.

LOTTERIA GREEN CARD: 
COSA SUCCEDE DOPO L'INVIO DEL MODULO
 
Una volta compilato il modulo, una volta allegata la foto, una volta dato l'invio, si riceve in automatico un codice: il "confirmation number".
"Confirmation number" che deve essere conservato con cura: stampandolo, memorizzandolo nel proprio computer, mettendolo "cloud", dandolo a vostra nonna...
L'importante è che non lo perdiate!

Perché è solo grazie al "confirmation number" (formato da cifre e lettere) che nel maggio successivo si può controllare se si è stati estratti.

LOTTERIA GREEN CARD: 
COSA SUCCEDE SE SI E' STATI ESTRATTI 

Succede che vi prenderà un colpo, che vi stropiccerete gli occhi, che passerete da stati d'animo euforici ad essere pervasi da paura e paralisi.
Succede che probabilmente vi direte "E ora che diavolo faccio? Ma chi me lo ha fatto fare? Ma che mi è venuto in mente?".

Oppure urlerete di gioia e avrete voglia di gridare ai quattro venti di essere stati baciati dalla fortuna, di dirlo a parenti ed amici.
Ma è bene essere prudenti, perché se sarete sorteggiati avrete superato solo il primo (enorme) gradino.
Senza però avere ancora davvero in mano la Green Card.

Perché ho conosciuto persone che sono state estratte, ma che poi non hanno ricevuto la lettera di convocazione a Napoli: vengono infatti estratte più Green Card di quelle effettivamente in palio.
Una brutta botta...

Ma cerchiamo di non essere subito pessimisti.
 
Dal punto di vista pratico, una volta collegata al sito dove ha inviato la domanda di partecipazione alla Lotteria, e dopo aver letto di essere stata sorteggiata, la persona fortunata vedrà un link che la porterà dritto alla pagina del "Kentucky Consular Center"  - la struttura del Dipartimento di Stato americano (il ministero degli Esteri Usa) che ha in esame la pratica - a lei riservata.

Il link contiene i moduli che il vincitore - e i suoi beneficiari (moglie, figli minori di 21 anni) - dovrà compilare con le informazioni personali e della famiglia d'origine. 
Poi ci sarà anche l'elenco dei documenti che dovrà essere spedito on line e l'elenco dei certificati delle vaccinazioni, e dei documenti, che dovranno essere presentati il giorno del colloquio e delle visite mediche a Napoli.

Se tutto va bene.

Perché al sorteggiato può anche succedere di rientrare in quella dannata quota di "riservisti" che, come già accennato, poi non verrà chiamata al colloquio.

Dunque, dopo aver ricevuto l'e-mail del sorteggio e dopo aver raccolto i documenti, bisogna esultare, sì, ma anche aspettare di ricevere la data dell'appuntamento.
Sono settimane (a volte mesi) in cui i sorteggiati controllano praticamente ogni ora la casella di posta elettronica.
 
Fino a quando (più o meno sei settimane prima) arriverà la tanto sospirata mail: quella in cui viene detto di controllare il proprio "status" in quanto "sono presenti aggiornamenti".

Si tratta della comunicazione della data dell'appuntamento a Napoli.
"In quel giorno ho vissuto la stessa sensazione che sono convinta avrei provato se avessi vinto al Superenalotto", ricorda Donatella, che ora vive in Florida, raccontandomi quel momento. 

LOTTERIA GREEN CARD: 
I DOCUMENTI DA PRESENTARE  

I colloqui e le visite mediche per gli italiani sorteggiati si svolgono nei locali del Consolato degli Stati Uniti di Napoli. 
Dove si deve arrivare all'appuntamento con una bella mole di documenti, lista che pubblico per pura informazione.
Perché ovviamente fa fede SOLTANTO l'elenco dei documenti che chi è stato estratto riceverà sempre collegandosi al proprio link:

- Fotocopia di tutte le pagine del passaporto (anche se agli estratti che hanno affrontato il colloquio nel 2017 è stata chiesta la fotocopia soltanto della pagina con i dati dell'intestatario)
- Due fotografie a colori "formato passaporto".
- Certificato di nascita. 
(O meglio ESTRATTO DELL'ATTO DI NASCITA in quanto include anche i nomi dei genitori)
- Tit
olo di studio.
- Certificato penale del Casellario Giudiziale. 
- Certificato penale (solo per il/la coniuge e per figli di età superiore a 16 anni). Chi, nella vita, ha vissuto all'estero per più di sei mesi dovrà presentare gli stessi certificati del Paese (o dei Paesi) straniero/i in cui si è vissuti.
- Certificato di matrimonio (o separazione, o divorzio).
- Congedo militare.

Viene poi richiesta anche una documentazione finanziaria (conto in banca o proprietà immobiliari), che sia garanzia del fatto che non si rischi, una volta giunti negli Usa, di vivere sulle spalle dei contribuenti americani. 
Ma posso rassicurare che questo non è un elemento ostativo, visto che - ovvio - alla Lotteria partecipano milioni di persone che magari un conto in banca nemmeno quasi ce l'hanno.

E, infatti, proprio un'amica vincitrice mi ha confermato che quando fu sorteggiata era una studentessa senza conto corrente bancario.
Un altro sorteggiato, poi, mi ha confermato che lui, invece, un misero conto in banca effettivamente ce l'aveva, e che al colloquio a Napoli aveva portato con sé la striminzita documentazione bancaria. 
Che, però, non gli venne nemmeno chiesta.

Se si ha un conto in banca, dunque, viene chiesto di procurarsi e di portare al colloquio la:
- Dichiarazione del direttore della banca con il saldo del conto corrente:
data di apertura del conto;
numero del conto;
ammontare dei depositi e elenco dei prelievi durante l'ultimo anno;
saldo medio durante il periodo.
- Prova della proprietà di eventuali pacchetti di azioni o titoli di Stato, con il valore di mercato e i guadagni attesi.
- Certificati di proprietà di immobili o terreni e lettera di una banca che ne dichiari il valore attuale.
- Eventuale dichiarazione della società di assicurazione con i versamenti effettuati per pensioni integrative.

 
LOTTERIA GREEN CARD: 
LE VISITE MEDICHE E IL COLLOQUIO A NAPOLI 
 



A questo punto - si può dire tranquillamente - il più è fatto.
Come ho accennato, i colloqui e le visite mediche, gli italiani sorteggiati le svolgono in due giorni a Napoli.

La legge americana, infatti, prevede che ogni sorteggiato debba sottoporsi ad esami medici svolti da sanitari con certificato del Dipartimento della Salute Pubblica degli Stati Uniti.
E in Italia gli esami si svolgono, appunto, a Napoli, all'Istituto Diagnostico Varelli di via Cornelia dei Gracchi 51/60, il solo autorizzato dl Consolato americano.

I minori di 15 anni saranno sottoposti soltanto ad un esame fisico generale;
per gli adulti, invece, sono previsti un colloquio con il medico, una radiografia al torace, un esame del sangue ed, eventualmente, altri esami specifici.
Ai quali non è necessario presentarsi digiuni.

Tra la documentazione da presentare, c'è anche quella relativa a vaccinazioni che possono essere effettuate presso la propria ASL o, a pagamento, presso il Varelli, l'ambulatorio convenzionato con il Consolato.

Le persone affette da malattie gravi non devono dimenticarsi di portare con sé documentazione medica e cartelle cliniche, cosicché il tutto sia valutato dai sanitari del Varelli.  
Le donne in gravidanza devono comunicare il loro stato in anticipo.

RIPETO, I SORTEGGIATI DOVRANNO COMUNQUE ATTENERSI "ALLA LETTERA" ALLA LISTA DI DOCUMENTI CHE VERRANNO RICHIESTI NELLA COMUNICAZIONE  UFFICIALE CHE RICEVERANNO. 
SOLTANTO QUELLA LISTA FA FEDE, PERCHE' PUO' ESSERE DIFFERENTE DA QUELLA QUI SOPRA RIPORTATA.
LOTTERIA GREEN CARD: 
LE SPESE DA AFFRONTARE 
 
E' bene specificare che se partecipare alla Lotteria non costa niente, arrivati a questo punto, invece, il vincitore alcune spese le dovrà comunque affrontare.
Ma non è il caso di storcere il naso: non ci si deve dimenticare che si è stati baciati dalla fortuna e che si tratta di considerarle un "investimento".

Si dovrà pagare, infatti, 220 €uro a testa per la visita medica e gli esami clinici, costi che invece scendono a 70 €uro per i minori di 15 anni. 

A questi bisogna aggiungere 330$ a persona per il costo del primo Visto di ingresso negli Usa come immigrante.

Poi ci sono le spese di soggiorno: tradizionalmente tutti i sorteggiati si affidano a quattro Bed&Breakfast di Napoli vicini al Consolato e al Centro clinico Varelli, dove arriveranno, ovviamente, il giorno prima della visita (per questo, in effetti, le giornate che si passeranno a Napoli sono tre):

"B&B Casa Mira" (tre camere, a 200 mt dal Consolato); 
"Casa Tonia" (quattro camere, a 500 metri);
"La dimora di Nettuno" (quattro camere, a 200 metri);
o "Napul'è" (tre camere, a 50 metri) 
le cui tariffe sono intorno ai 50-130 euro a notte per una camera matrimoniale. 
Tutte strutture che offrono anche un servizio di accompagnamento al Consolato e al Varelli.

A conclusione dei due giorni, arriva la chiacchierata finale con il console Usa (colloquio che si può svolgere anche in italiano).
 
Il colloquio con il console è assai informale e cordiale: una chiacchierata tranquilla durante la quale al sorteggiato e ai suoi familiari viene chiesto se hanno già un progetto "americano" e se sanno già in quale città americana andranno ad abitare...
Domande serene che si concludono con i complimenti e una stretta di mano.

E con il ritiro, dopo qualche giorno, di un bustone giallo sigillato inviato via corriere Dhl, da lasciare, entro sei mesi dalla data della visita medica di Napoli, in aeroporto all'immigrazione americana. 


Quando si potrà entrare negli Stati Uniti con il cuore che batte, anche se non ancora dal varco "Us Citizen".
Per entrare da quell'ingresso bisogna infatti attendere di avere fisicamente in mano la Green Card: che arriverà - tempo un paio di settimane - all'indirizzo in Usa che avrete indicato.
 
Questo è praticamente tutto: chi ha partecipato alla Lotteria, dovrà soltanto avere pazienza e conservare con cura il codice di conferma che si riceve al momento dell'invio del modulo on line.
Fatene due, tre, cinque copie, e conservatele gelosamente.
Perché solo con quello potrete controllare se la fortuna vi ha baciato.

Se avete partecipato, dunque fate gli scongiuri fino al 15 maggio 2018, quando potrete sapere se siete fra i fortunati vincitori.
 

Good luck!


© dario celli. Tutti i diritti sono riservati